Cyberbullismo

In poche parole

La violenza digitale si riferisce all’uso delle tecnologie digitali (ad esempio telefoni cellulari e Internet) con l’intenzione di ferire, umiliare e turbare la persona contro cui è diretta la violenza, oltre a causare loro qualche danno. Il bullismo digitale incoraggia l’odio di gruppo, le molestie, lo stalking, l’invasione della privacy, gli insulti di qualsiasi genere, nonché la diffusione di commenti inappropriati e offensivi contro un’altra persona. Il cyberbullismo può manifestarsi in molti modi diversi. Le forme più diffuse di violenza digitale sono minacce, molestie, ricatti, uso improprio di dati personali e/o foto altrui, cyberbullismo, creazione e utilizzo di profili falsi, abusi sessuali su Internet, pornografia infantile, incitamento all’odio, truffe varie su Internet …


Immergiamoci più a fondo

La violenza digitale può essere considerata un fenomeno relativamente nuovo e può essere definita in diversi modi. Oltre al termine violenza digitale, possiamo trovare anche violenza su Internet, violenza informatica, violenza elettronica, cyberbullismo, ecc. La violenza su Internet può manifestarsi in diversi modi.

Tutti gli amici scherzano e si prendono in giro a vicenda, e talvolta è difficile capire se qualcuno si sta solo divertendo o sta cercando di farti del male, soprattutto su Internet. A volte scrivono “sto scherzando” o “non prendere tutto così sul serio” insieme alla battuta. Se ti senti ferito o pensi che gli altri ridano di te invece che con te, allora lo scherzo è andato troppo oltre. Se continua anche dopo che hai chiesto alla persona di interrompere tale comportamento, e se ti senti ancora turbato per questo, allora possiamo parlare di violenza. Quando la violenza si verifica su Internet, può attirare l’attenzione di un gran numero di persone: tu e coloro che conosci e non conosci.

Il cyberbullismo può essere compiuto direttamente o indirettamente (con l’aiuto di intermediari). È possibile interferire con altre persone, anche a loro insaputa (ad esempio utilizzando un nome o un indirizzo senza autorizzazione). La violenza digitale è più diffusa tra le generazioni più giovani, ma capita anche che gli adulti perpetrino violenza sui bambini. È importante notare che si tratta di un reato punibile dalla legge.

Gli adulti (predatori o molestatori sessuali) possono presentarsi falsamente su Internet ed entrare così in comunicazione con bambini e adolescenti, il tutto con lo scopo di abusarne sessualmente. In questo caso si parla di violenza sessuale o abuso sessuale via Internet. 


Link utili:

Segnalate il cyberbullismo su Facebook